Sagra della Porchetta di Ariccia

 

Che cosa è la sagra della porchetta di Ariccia?

Certamente un evento di una certa importanza per il settore della produzione della Porchetta IGP che ha un indotto di qualche decina di milioni di euro.

Questa ricorrenza che si celebra ad ogni inizio di settembre ( la prima settimana solitamente) di ogni anno, vuole rappresentare un tributo a questo prodotto gastronomico IGP. Solitamente dura tre o quattro giorni che comprendono attività ricreative, spettacoli di cabaret e musicali, premiazioni folkloristiche e fuochi di artificio, con  programmi appositamente creati per l’evento.

 

Come si svolge la sagra della porchetta ?

E’ consuetudine durante il periodo di festeggiamento del fine settimana lo svolgimento della sagra, inizia con il posizionare gli stand ed i gazebo 4×4 dei produttori siano posizionati sulla storica “Piazza di Corte”, i posti vengono estratti a sorte dato che i più ambiti sono contesi con campanilismo dai produttori. Solitamente per l’evento arrivano centinaia di ambulanti con mercanzie della più svariata natura.

Quale è il programma della sagra di Ariccia?

Solitamente gli organizzatori riuniti sottoforma di comitato, hanno un budget che ottengono tassandosi per l’acquisto degli stand, e solitamente il Consorzio dei Produttori della Porchetta IGP, tiene le redini della manifestazione con i membri stessi che si interfacciano con l’amministrazione comunale. Il programma della sagra della porchetta solitamente è deciso in base al budget, e i “nomi” di chi intervienne negli  spettacoli che si tengono sul palco della piazza che allietano gli avventori sono scelti sempre in base al budget.

 

Programma della sagra della porchetta di Ariccia

Solitamente la stesura del programma si pratica in riunioni del consorzio produttivo IGP. Qui si decide in base al budget che solitamente ( da dati assolutamente ufficiosi) viaggia sui 20 30 mila euro, ed in base a questo si parte con le luminarie e l’impianto voci per la diffusione su tutto il tratto di Appia Nuova ( che viene chiusa con una ordinanza comunale) che va da Ariccia a Galloro.

Poi si passa alla pubblicizzazione dell’evento con spot radiotelevisivi, e manifesti che si creano appositamente per l’evento. Ultimamente sono state adottate politiche pubblicitarie con camion vela che attraversano il territorio per ricordare a ci si fosse scordato, dell’evento.

La scelta dei “nomi” che parteciperanno agli spettacoli è molto legata al budget, e ultimamente dati i tempi di crisi si opta per profili di artisti cabaretisti, e musicisti emergenti.

Seguono poi programmi di gare, come quella della “grande abbuffata” dove gli sfidanti sul palco si contendono un prosciutto, a colpi di forchetta, nella scodella che contiene un chilo e mezzo di spaghetti solitamente preparati in qualche fraschetta locale.

Il momento clou della kermesse gastronomica è quello dei fuochi di artificio sul ponte monumentale, che solitamente prendono il via a sagra terminata, ovvero alle 11,00 della giornata conclusiva di domenica.